SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

Maximus: il vino che ho chiamato con il mio nome

Vorrei dirvi due parole sul vino che ho chiamato con il mio nome.

Come probabilmente già saprete, appartengo alla terza generazione di viticoltori della mia famiglia. Per questo motivo qua e là nei miei vigneti ci sono vigne vecchie di trenta-cinquant'anni: quelle che ha piantato mio nonno. Le piante vecchie producono una minor quantità di grappoli, ma il loro livello qualitativo è molto alto. Così, qualche anno fa, mi sono chiesto cosa sarebbe successo se avessi selezionato e vinificato separatamente questi grappoli.

Dall’idea, sono passato ai fatti. Ho selezionato a mano solo i grappoli di queste vecchie viti, li ho messi da parte e li ho vinificati separatamente.

Di solito l’invecchiamento del nostro Amarone della Valpolicella DOGC avviene per un periodo di circa 30 mesi, per l'80% botti grandi di rovere e per il 20% in barriques.

Quando però venne il tempo di iniziare l’invecchiamento del vino ottenuto vinificando i grappoli delle viti più vecchie, mi accorsi che la quantità di vino prodotto era esattamente la quantità necessaria per riempire tre barriques. Ho deciso quindi di far invecchiare questo speciale Amarone solo in barriques, e di estendere fino a 3 anni iteri il periodo di invecchiamento.

Il risultato è stato qualcosa di cui mi sono innamorato.

Da quel momento in poi ho continuato a vinificare separatamente le uve prodotte dalle vigne più vecchie. Durante il processo di produzione, assaggio spesso il vino così ottenuto per verificare come si comporta nel tempo: diventa Maximus solo se è davvero speciale.

Per questo motivo produco questo Amarone solo nelle migliori annate e, come probabilmente avrete già capito, in una quantità limitata di bottiglie.

L'ultima annata prodotta è stata il 2009 e quest'anno sono davvero felice di poter presentare l’annata 2012.

Anche quest’Amarone, ovviamente, è prodotto seguendo tutte le regole obbligatorie della Denominazione di Origine, ma mentre il nostro Amarone della Valpolicella DOCG è esattamente ciò che ci si aspetta da un buon Amarone, Maximus è qualcosa di speciale, unico e raffinato.

Maximus è diventato quel tipo di vino che richiede pazienza e lunghe ore di lavoro, ma che poi le ricompensa ampiamente.

“Bel [color] tegola, brillante. Naso evoluto, aromi netti e precisi di prugna matura, frutta nera candita, tonalità di cuoio con l´aerazione. Bocca setosa, piena, dai tannini raffinati. Si percepisce una dimensione speziata sul finale. Vino dal fascino distinto”. Questa è la descrizione che Gilbert & Gaillard ha regalato a Maximus annata 2012, quando al vino è stata assegnata una straordinaria Medaglia da 95 punti (e questo è solo uno degli importanti riconoscimenti che gli sono stati assegnati, tra cui una Medaglia d'oro al DWWA 2019).

Le caratteristiche che sicuramente mi hanno fatto innamorare di questo vino sono lo straordinario finale lungo, con i suoi aromi di spezie, cioccolato, tabacco e liquirizia ed il fatto che calza perfettamente la definizione di "vino da meditazione".

Ogni volta che lo assaggio mi sento al caldo e al sicuro come in una sera d'inverno davanti a un caminetto acceso. È qualcosa di simile a un luogo dell'anima, dove spero possa portare anche voi, per qualche attimo, quando lo assaggerete.

Alla fine questo è probabilmente il vino che più rappresenta me e la mia idea di un buon Amarone. Ed è per questo che ho deciso di chiamarlo con il mio nome.

Post Vecchi
Post Nuovi
Chiudi (esc)

Popup

Use this popup to embed a mailing list sign up form. Alternatively use it as a simple call to action with a link to a product or a page.

Verifica la tua età

Cliccando su "Accedi" confermi di avere l'età minima per consumare bevande alcoliche.

Ricerca

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.
Acquista ora